CINOFOLLIA < BAUHOUSE - Tellingthon Touch

 

Il massaggio è utile agli animali domestici. Fare un massaggio vuol dire aiutare qualcuno fisicamente, prendersi cura di lui. La vera importanza del massaggio consiste nella possibilità di comunicare senza bisogno di usare le parole.Toccando o accarezzando una persona (o un animale), le facciamo capire che proviamo simpatia o affetto, che siamo solidali con lei, che l’apprezziamo. Una persona (o un cane) che si sottoponga ad un massaggio ben fatto cade in uno stato psicofisico difficile da descrivere. Dal massaggio nascono fiducia, comprensione,rispetto. Massaggiare il proprio cane ha vari benefici:

1- rilassarlo

2- alleviare i muscoli stanchi o tesi

3- migliorare la sua circolazione

4- creare un maggior feeling

5- passare del tempo di qualità con lui.

Nei cani anziani, come nelle persone, la stimolazione del massaggio limita la riduzione della densità ossea.

Inoltre, attraverso il rilassamento muscolare, migliora la postura e rende più elastici. Ci sono però delle situazioni in cui un massaggio può far più male che bene, per esempio nel caso in cui il cane abbia malattie croniche come il diabete o l’epilessia. In questi casi (come in presenza di altre patologie) il massaggio è meglio che venga fatto da persone esperte. E’ meglio evitare di massaggiare anche aree in cui ci sono ferite post operatorie, in quanto la maggior irrorazione sanguigna causata dalla stimolazione potrebbe causare emorragie. Sarà quindi meglio aspettare almeno 10-14 settimane. In questo articolo non parleremo di massaggi terapeutici, ma solo di massaggi rilassanti che possano creare benessere e sintonia. Fate i movimenti giusti e li vedrete abbandonarsi a terra, completamente rilassati. Fate i movimenti sbagliati…e se ne andranno. La regola fondamentale per praticare un massaggio al vostro cane consiste nell’analizzare la sua struttura ossea e muscolare, che è diversa da quella umana. Scoprite l’andamento dei settori ossei e dei muscoli principali e cercate di adattare le tecniche di massaggio in modo da seguire sempre la direzione delle fibre muscolari. Mettetevi comodi, possibilmente su un tappeto morbido, e non esitate a spostarvi quando ce n’è bisogno; ma sempre lentamentee con cura, in modo da non allertare il vostro amico. Quando vi muovete nella direzione del pelo fate scivolare le mani, mentre quando dovrete muovervi contropelo utilizzate le punte dei polpastrelli come per grattarela cute, ma in modo più lento e delicato e senza mai staccare le mani dal corpo del vostro compagno. Partite dalla la base del cranio: anche nel cane, come negli umani, dev’essere una delle zone in cui si concentra maggiormente la tensione fisica, a giudicare dalle loro reazioni quando li si massaggia in quel punto. Dedicate un’attenzione particolare alla colonna vertebrale. Seguire su e giù, con le dita, i due solchi ai lati della spina dorsale è molto efficace. Importante è non interrompere mai il massaggio a metà della spina dorsale. Prima di cambiare locazione arrivate almeno fino alla base della coda, se il cane ha piacere fino alla punta della coda stessa.Quindi, sempre spostandovi attraverso le carezze, andate in un nuovo settore. Massaggiate attorno alle scapole come per delimitarle dal resto del corpo. Premete sempre con delicatezza all’inizio, ma non temete di premere gradualmente sempre più forte. Guardate il vostro cane per sapere se apprezza o se state sbagliando qualcosa. Quando si arriva al ventre ogni animale reagisce in modo diverso. Alcuni non vogliono assolutamente lasciarsi massaggiare, altri apprezzano moltissimo e si mettono ancor più comodi lasciandoci lo spazio per operare. Per quanto riguarda le zampe ricordatevi sempre di procedere dalle estremità verso l’alto, in modo da stimolare la circolazione. Anche le zampe possono essere dei punti delicati e alcuni cani potrebbero non gradire. Procedete sempre con gradi, man mano che il vostro cane si abituerà a questa nuova esperienza sarà lui stesso a chiedervi un massaggio, ma voi non forzatelo mai. In base alle dimensioni del vostro cane utilizzate l’intera mano o solo i polpastrelli, l’importante è che il tocco sia sempre continuo e che non abbandoniate mai il contatto. Non spostatevi casualmente da un punto all’altro, andate per ordine partendo dalla testa, fino alla coda, tornando quindi al garrese; scivolate delicatamente lungo le zampe e poi tornate, massaggiando, verso l’alto.Quindi, scorrendo nuovamente lungo la schiena o i fianchi, andate verso le zampe posteriori, scivolate con una carezza verso le estremità e poi tornate su massaggiando. Per iniziare una seduta di massaggi chiamate il cane, mettetelo seduto davanti a voi e iniziate a massaggiargli la nuca. Ben presto si metterà nella posizione che sente più comoda e vi comunicherà lui stesso dove preferisce essere massaggiato. Se è in piedi sarà più facile massaggiare la parte posteriore e il ventre procedendo in modo simmetrico con le mani da entrambi i lati. Se sarà disteso nella posizione di “terra” sarà più comodo per il massaggio della colonna vertebrale. Se sta seduto sarete più comodi per massaggiare la base del cranio. Se sta disteso sul fianco potrete massaggiare le zampe, le spalle e i fianchi. Non interrompete mai bruscamente un massaggio. Se il cane decide che ne ha avuto abbastanza, lasciatelo andare; se avete finito il vostro tempo, lasciatelo con una carezza gentile e qualche parola sussurrata. Subito dopo il massaggio lasciatelo un po’ in pace e non invitatelo subito a fare attività motorie. Non abbiate mai fretta e siate rilassati, quindi praticate il massaggio solo se siete tranquilli e con lo spirito sereno. Il nostro cane non è una pallina antistress! E’ importantissimo osservare bene le reazioni del vostro amico, in modo da coglierne ogni più piccolo messaggio. Se è un cane molto sottomesso probabilmente non cercherà mai di allontanarsi da voi, ma per farvi capire che lo state disturbando o che lo state toccando in un modo che lui non gradisce vi manderà dei segnali di calma.Quindi prestate attenzione a segnali quali sbadigli, leccatine sul naso, irrigidimenti, voltare la testa in modo continuo, masticare a vuoto: vi sta dicendo che in realtà non lo state rilassando come vorreste,ma gli state creando ulteriore disagio!

In  Italia diversi centri organizzano corsi per imparare le tecniche di massaggi terapeutici (Tellington -Touch) e diventare pratictioner del metodo t-touch.

 

Powered by Dyrecta